Finnish Association for Nature Conservation: The Carbon Market. © Aalto University/still image from a film by Miika Ullakko

Committente: 
Guy Julier

Curatore: 
Kaisu Savola 

Architettura dello spazio espositivo: 
Saara Kantele, Monica Romagnoli, Tuomas Siitonen, Ville Kokkonen 

Identità visiva e infografica: 
Adina Renner, Qin Yang, Arja Karhumaa


Assistente curatore:
Nur Horsanali


Finanziato dalla università Aalto e dal Ministero della Cultura e dell’Istruzione, Finlandia

Con la collaborazione del Ministero finlandese degli Esteri

Mostra

Finlandia
Everyday Experiments

Tra il 1866 e il 1868, un decimo della popolazione finlandese morì di fame in seguito alla gelata estiva che distrusse i raccolti dei contadini. Oggi la Finlandia è una delle nazioni più ricche e felici al mondo. Questo benessere, tuttavia, ha un prezzo. Se tutti nel mondo vivessero come il consumatore finlandese medio, servirebbero le risorse di quattro pianeti come la Terra. 

Tenendo a mente questa contraddizione tra avere a cuore la natura e al tempo stesso agire contro di essa, Everyday Experiments presenta dodici progetti sperimentali che sollevano e approfondiscono interrogativi sulle esigenze della vita quotidiana, come per esempio: il bisogno di uno stile di vita più sostenibile; la crescita del turismo artico; i rapporti tra legislazione e vita dei cittadini, o i diritti  delle comunità indigene. 

Il design non può comprendere o risolvere da solo problemi complessi. Per conseguire un cambiamento sociale, deve unire le forze con le scienze naturali, le scienze sociali, la tecnologia, l’artigianato, la politica e l’attivismo. Ogni progetto presentato in Everyday Experiments mette in discussione i confini tra il design e le altre discipline. 

Everyday Experiments non presenta il design come prodotto di designer individuali, ma come parte intrinseca delle tante attività che si svolgono all’interno di e nei rapporti tra istituzioni, organizzazioni e comunità. In particolare, la mostra invita i visitatori a riflettere su alcune azioni verso gli esseri umani e la natura che possiamo adottare in vista di una società equa e sostenibile. 

Crediti

Mostra prodotta da:
Aalto University, School of Arts, Design and Architecture

Committente: 
Guy Julier

Curatore: 
Kaisu Savola 

Architettura dello spazio espositivo: 
Saara Kantele, Monica Romagnoli, Tuomas Siitonen, Ville Kokkonen 

Identità visiva e infografica: 
Adina Renner, Qin Yang, Arja Karhumaa


Assistente curatore:
Nur Horsanali


Finanziato dalla università Aalto e dal Ministero della Cultura e dell’Istruzione, Finlandia

Con la collaborazione del Ministero finlandese degli Esteri

Highlights

Aalto University: The Ioncell technology. © Aalto University/photo by Mikko Raskinen

Suomu – The Finnish Association of Design Learning: Design School. © Suomu ry/photo by Olga Poppius

Natural Resources Institute Finland: The Atlantic Salmon Scale Archive. © Aalto University/illustration by Adina Renner and Qin Yang

Eventi correlati

Partecipazioni Internazionali

Archivi e collezione
Esplora centinaia di contenuti →

Veduta notturna del Palazzo dell'Arte ripreso dalla Torre Lsittoria
Veduta notturna del Palazzo dell'Arte ripreso dalla Torre Lsittoria
Tre modelle percorrono il Ponte che collega il Palazzo dell'Arte con l'area verde antistante, progetto degli architetti Aldo Rossi e Luca Meda
Tre modelle percorrono il Ponte che collega il Palazzo dell'Arte con l'area verde antistante, progetto degli architetti Aldo Rossi e Luca Meda
Mostra sugli Studi delle proporzioni, allestimento dell'architetto Francesco Gnecchi-Ruscone, esposto nella mostra Studi sulle proporzioni
Mostra sugli Studi delle proporzioni, allestimento dell'architetto Francesco Gnecchi-Ruscone, esposto nella mostra Studi sulle proporzioni
Ingresso principale sul fronte ovest del Palazzo dell'Arte
Ingresso principale sul fronte ovest del Palazzo dell'Arte

La 23ª Esposizione Internazionale Unknown Unknowns. An Introduction to Mysteries è aperta! Vieni a scoprirla fino all'11 dicembre.

Scopri di più
Sitemap