© Marcell Rév

Spettacolo

Winterreise

Proton Theatre – Kornél Mundruczó

Un potente intreccio di teatro, film e musica che parla al cuore dell’Europa. Con Winterreise Kornél Mundruczó – acclamato regista teatrale e cinematografico, reduce dal successo internazionale del film Pieces of a Woman – racconta il dolore esistenziale di un'umanità dimenticata, rappresentando la dignità di chi non ha voce. In scena, cantando, un vagabondo solitario compie un viaggio senza meta, accompagnato dal pianoforte e dalle note di Schubert. La romantica drammaticità dei lieder del compositore austriaco, unita alla forza delle immagini in movimento proiettate sul grande schermo alle spalle del protagonista, diventa contrappunto del nostro presente, tra immigrazione, fuga e alterità. Uno spettacolo creato da Mundruczó insieme alla sua compagnia indipendente Proton Theatre.

Regista di cinema, teatro e opera nato in Ungheria nel 1975, i lavori di Kornél Mundruczó sono stati presentati nei più rilevanti festival internazionali. Il suo originale approccio artistico concepisce gli attori come co-creatori delle sue opere. Dopo aver studiato all’università ungherese del cinema e del teatro, Mundruczó comincia il lavoro creativo all’inizio degli anni Duemila. Nel 2009, insieme alla produttrice Dóra Büki, fonda la compagnia teatrale indipendente Proton Theatre. Nel 2017 è nominato al Premio Faust per lo straordinario successo di Imitation of Life. Dal 2003 dirige anche opere liriche e debutta come regista cinematografico. Nel 2014 il suo sesto film, White God, vince il Premio Un Certain Regard al Festival di Cannes. Il suo primo film in lingua inglese, Pieces of a Woman (2020), viene nominato al Leone d’Oro alla Mostra del Cinema di Venezia. Per l’occasione Mundruczó dirige come attori protagonisti Shia LaBeouf e Vanessa Kirby (produzione Netflix). Il suo nuovo film, Evolution, ispirato all’omonimo spettacolo prodotto da Proton Theatre, è stato presentato a Cannes nel luglio del 2021. I suoi lavori teatrali combinano diversi linguaggi, intrecciando azioni dal vivo, musica e sequenze filmate.

...altro

Info

– Durata 70’
– Con il patrocinio dell'Accademia d'Ungheria in Roma

Crediti

cantante: János Szemenyei
pianista: Károly Mocsári
musica: Franz Schubert
set: Dóra Büki
costumi: Márton Ágh
luci: András Éltető
video: Marcell Rév, Kristóf Becsey
drammaturgia: Kata Wéber
assistente alla regia: Zsófia Tüű
regia: Kornél Mundruczó
direzione tecnica: András Éltető
tecnico delle luci: Zoltán Rigó
stage master: Tamás Zsigri
prop master: Gergely Nagy
produzione: Proton Theatre
coproduzione: Café Budapest Contemporary Arts Festival, Danubia Orchestra Óbud
con il sostegno di: Opera Ballet Vlaanderen

Calendario

sabato 26 novembre 2022, ore 18.30
domenica 27 novembre 2022, ore 15.00

Highlights

© Marcell Rév

© Marcell Rév

Eventi correlati

Archivi e collezione
Esplora centinaia di contenuti →

Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore
Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore
Interno del Tunnel Pneu, progetto di Jonathan De Pas, Donato D’urbino e Paolo Lomazzi
Interno del Tunnel Pneu, progetto di Jonathan De Pas, Donato D’urbino e Paolo Lomazzi
Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.<br/>Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.
Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Veduta notturna dell’abitazione a cupola geodetica di Füller, progetto dell’allestimento dell’architetto Roberto Mango, realizzata nel parco Sempione per la decima Triennale
Veduta notturna dell’abitazione a cupola geodetica di Füller, progetto dell’allestimento dell’architetto Roberto Mango, realizzata nel parco Sempione per la decima Triennale

La 23ª Esposizione Internazionale Unknown Unknowns. An Introduction to Mysteries è aperta! Vieni a scoprirla fino all'11 dicembre.

Scopri di più
Sitemap