Media Explosion. Intorno all’umano

Conferenzaonline

Media Explosion
Stefano Quintarelli

24 febbraio 2021, ore 17.00

Stefano Quintarelli, imprenditore seriale e già professore di sistemi informativi, propone una riflessione sulla rivoluzione digitale e l’economia immateriale. Lo spostamento di interesse che il capitalismo ha mostrato dall’economia materiale - nella quale si producevano beni tangibili - all’economia immateriale - nella quale si instaurano intermediazioni - porta con sé cambiamenti epocali nella nostra vita quotidiana, che la politica e i cittadini devono imparare a gestire e governare. Una sfida colossale, che si sta sviluppando a ritmi frenetici.

Crediti

Promosso da: Triennale Milano e NABA, Nuova Accademia di Belle Arti, a cura del filosofo Leonardo Caffo e di Amos Bianchi, NABA Media Design and New Technologies Area Leader

Eventi correlati

Collezione e Archivi
Esplora centinaia di contenuti

Modella posa nella sezione del Messico durante un servizio fotografico di moda
Modella posa nella sezione del Messico durante un servizio fotografico di moda
Lampadario "carciofo" di Poul Henningsen, nella sezione della Danimarca
Lampadario "carciofo" di Poul Henningsen, nella sezione della Danimarca
Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.<br/>Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.
Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala

Nel rispetto delle normative governative, Triennale Milano resterà chiusa al pubblico fino a nuove indicazioni. Continua a seguirci sui nostri canali social, scopri nuovi contenuti sul Magazine, guarda streaming e video su YouTube e ascolta le serie podcast su Spotify. In attesa di tornare a visitarci puoi esplorare le nostre mostre su Google Arts & Culture!

Sitemap