© Andrea Giomi, Martina Zena

Performanceonline

Frequencies of gesture

Andrea Giomi, Martina Zena

13 novembre 2020, ore 19.00

Prima assoluta

Nei giovani ricerco interiorità, sensibilità, e capacità di abbandonarsi al movimento e all’originalità.

Ariella Vidach

Grande spazio alla giovane coreografia con i lavori realizzati appositamente per FOG in collaborazione con Ariella Vidach – AiEP. Frequencies of gesture è una performance e installazione interattiva realizzata da Andrea Giomi e Martina Zena, il lavoro si focalizza sull’analisi del rapporto tra gesto, suono e segno, e la maniera in cui è possibile rimaterializzare il movimento sotto forma di tracce sonore e visive. Facendo dialogare tecniche diverse – qui il disegno dal vivo e la calcografia, l’analisi del movimento e la sonificazione interattiva, la visualizzazione dati e l’intelligenza artificiale – questo lavoro interroga il modo in cui la conoscenza situata nel gesto può essere esteriorizzata nel dispositivo tecnico e re-incorporata in una nuova forma materica.

Segui l'evento su YouTube o su questa pagina

Andrea Giomi è un sound artist, performer e ricercatore. Dal 2018 è postdoctoral research fellow presso il Performance Laboratory dell’Université Grenoble-Alpes, dove conduce uno studio sul tema della sonificazione del movimento. È tra i fondatori del collettivo teatrale Kokoschka Revival. Come artista e performer i suoi interessi ruotano attorno ai rapporti emergenti tra corpo, suono ed ambienti tecnologici, specialmente nell’ambito dell’improvvisazione e della scena musicale elettronica underground. Ha presentato i suoi lavori in diverse piattaforme e festival internazionali.

Martina Zena è un’artista visiva che si è formata all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Dopo la laurea in Pittura e il Master in Grafica d’Arte, ha svolto una residenza artistica presso Fabrica, centro di ricerca e della comunicazione del gruppo Benetton (Treviso). I suoi lavori performativi mettono in relazione il mondo della grafica con quello della musica e sono stati presentati in diverse realtà, tra cui lo SPLICE Festival di Londra.

...altro

Crediti

Un progetto di: FOG Triennale Milano Performing Arts
Performance, live drawing: Martina Zena
Sound, design, motion capture: Andrea Giomi
Interaction design: Samuele Albani
Con il sostegno di: Ariella Vidach AiEP (Bando NAO Crea), Performance Lab (Université Grenoble-Alpes)
Si ringrazia: Fattoria Vittadini, ExAlge e Kokoschka Revival

Eventi correlati

Archivi e collezione
Esplora centinaia di contenuti →

Ingresso principale sul fronte ovest del Palazzo dell'Arte
Ingresso principale sul fronte ovest del Palazzo dell'Arte
Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore
Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Veduta notturna del Palazzo dell'Arte ripreso dalla Torre Lsittoria
Veduta notturna del Palazzo dell'Arte ripreso dalla Torre Lsittoria

La 23ª Esposizione Internazionale Unknown Unknowns. An Introduction to Mysteries è aperta! Vieni a scoprirla fino all'11 dicembre.

Scopri di più
Sitemap