Triennale Milano
© Andrea Macchia
Spettacolo

Bermudas

mk
31 gennaio – 1 febbraio 2020
Durata: 45’ 
Bermudas è astrazione splendente, pura geometria motoria, capace di trascinarci nel ritmo ossessivo, eppure leggerissimo, di un loop mentale che vorremmo non finisse
Artribune
Bermudas è una coreografia intrigante e ipnotica, pensata per un numero variabile di interpreti (da tre a tredici), intercambiabili tra loro. Ispirato alle teorie del caos, il lavoro gioca con regole semplici che producono un mondo ritmicamente condiviso e permeabile. Nel navigare le possibilità e le tensioni generate dalle relazioni tra i performer, questa creazione di Michele Di Stefano si propone di dare vita a una danza che permetta di costruire uno spazio sempre accessibile a qualunque nuovo ingresso. Al centro di questo sistema di movimento sono le caratteristiche singolari dei danzatori, le cui individualità sono chiamate a originare incontri e mediazioni – un campo energetico molto intenso (a cui il nome Bermudas ironicamente fa riferimento), un rituale collettivo che gestisce e assorbe tendenze divergenti e malintesi.
mk si occupa di coreografia e performance e ruota intorno ad un gruppo stabile di artisti costantemente in dialogo con altri performer e progettualità trasversali. Il gruppo è da subito invitato nei più importanti festival della nuova scena in Italia e all’estero. Tra le produzioni recenti: Veduta, un’indagine immersiva sul paesaggio urbano, Bermudas, lavoro sul moto perpetuo e il movimento puro, e Parete Nord, coprodotta da Torinodanza nel 2018.
...altro
Crediti
(cast variabile) con: Philippe Barbut, Biagio Caravano, Marta Ciappina, Andrea Dionisi, Sebastiano Geronimo, Luciano Ariel Lanza, Giovanni Leone, Flora Orciari, Annalì Rainoldi, Laura Scarpini, Loredana Tarnovschi, Alice Cheophe Turati, Francesca Ugolini Ideazione e coreografia: Michele Di Stefano Musica: Kaytlin Aurelia Smith, Juan Atkins/Moritz Von Oswald, Underworld Luci: Giulia Broggi in collaborazione con Cosimo Maggini Meteo: Antonio Rinaldi Custom styling: Marco Mazzoni e Michele Di Stefano Consulenza matematica: Damiano Folli Organizzazione: Carlotta Garlanda Distribuzione: Jean-François Mathieu Coproduzione: mk e  Bolzano Danza/Tanz Bozen In collaborazione con: MilanOltre Festival, AMAT Civitanova Casa della Danza, Residance/DanceHaus PIù Milano, Dialoghi - residenze delle arti performative a Villa Manin Udine, Una diversa geografia/Villa Pravernara Valenza, AngeloMai Roma, L’ Arboreto – Teatro Dimora di Mondaino Con il contributo di: Regione Lazio - Assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili, MiBAC

Calendario

venerdì 31 gennaio 2020, ore 20.00
sabato 1 febbraio 2020, ore 20.00

Highlights


Mostra sugli Studi delle proporzioni, allestimento dell'architetto Francesco Gnecchi-Ruscone, esposto nella mostra Studi sulle proporzioni
Mostra sugli Studi delle proporzioni, allestimento dell'architetto Francesco Gnecchi-Ruscone, esposto nella mostra Studi sulle proporzioni
Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Lampadario "carciofo" di Poul Henningsen, nella sezione della Danimarca
Lampadario "carciofo" di Poul Henningsen, nella sezione della Danimarca