© Andrea Pizzalis

Spettacolo

Avremo ancora l’occasione di ballare insieme

Deflorian/Tagliarini

Coppia di autori, registi e performer tra le più apprezzate del teatro europeo, Daria Deflorian e Antonio Tagliarini si confrontano con l’immaginario cinematografico di Federico Fellini e con il suo sguardo profondo nelle vite umane. Un lavoro sull’incontrarsi, sul ballare insieme, sull’essere coppia, sull’intimità e sul dialogo, liberamente ispirato al film Ginger e Fred con Marcello Mastroianni e Giulietta Masina nel ruolo di una coppia anziana di ballerini di tip tap, Pippo e Amelia. Il titolo viene dal ribaltamento di una frase che Amelia dice alla fine del film a Pippo: “Non credo che avremo ancora l’occasione di ballare insieme”. È anche un lavoro dedicato agli artisti, alle maschere che indossano, alla loro determinazione a giocare per tutta la vita.

Daria Deflorian e Antonio Tagliarini sono autori, registi e performer – tra gli artisti italiani più brillanti e acclamati del panorama contemporaneo. Nel 2008 hanno creato Rewind, omaggio a Cafè Müller di Pina Bausch. Tra il 2010 e il 2011 hanno lavorato al Progetto Reality, che ha dato vita all’installazione/performance czeczy/cose (2011) e allo spettacolo Reality (2012), lavoro per il quale Deflorian ha vinto il Premio Ubu 2012 come miglior attrice. Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni (2013) ha vinto il Premio Ubu 2014 come miglior novità italiana e il Premio della Critica come miglior spettacolo straniero in Canada. Hanno poi creato due lavori site-specific: Il posto (2014) e Quando non so cosa fare cosa faccio (2015). Nel 2017 iniziano a lavorare al Progetto Antonioni/“Deserto Rosso”. Nel 2020 debutta il loro adattamento teatrale del testo Chi ha ucciso mio padre di Edouard Louis. Deflorian e Tagliarini sono artisti associati di Triennale Milano Teatro per il triennio 2022-2024.

...altro

Info

Durata 90’
Spettacolo in italiano con sovratitoli in italiano e inglese

Crediti

progetto: Daria Deflorian, Antonio Tagliarini
liberamente ispirato al film: Ginger e Fred di Federico Fellini
interpretazione, co-creazione: Francesco Alberici, Martina Badiluzzi, Daria Deflorian, Monica Demuru, Antonio Tagliarini, Emanuele Valenti
aiuto regia, collaborazione alla drammaturgia: Andrea Pizzalis
consulenza artistica: Attilio Scarpellini
luce: Gianni Staropoli, Giulia Pastore
scene: Paola Villani
suono: Emanuele Pontecorvo
costumi: Metella Raboni
direzione tecnica: Giulia Pastore
foto, video di scena: Andrea Pizzalis
cura, promozione: Giulia Galzigni (Parallèle)
amministrazione: Grazia Sgueglia
produzione: Associazione culturale A.D., Teatro di Roma – Teatro Nazionale, Emilia Romagna Teatro Fondazione, Teatro Metastasio Prato
coproduzione: Comédie de Genève, Odéon – Théâtre de l’Europe, Festival d’Automne à Paris, Théâtre populaire romand – Centre neuchâtelois des arts vivants, Théâtre Garonne – Scène européenne, Centre dramatique national Besançon Franche-Comté
con il sostegno di: Interreg France-Suisse 2014-2020 (programma europeo di cooperazione transfrontaliera nel quadro del progetto MP#3), Romaeuropa Festival
residenze: Ostudio Roma, Théâtre Garonne – Scène européenne
ringraziamenti: Lorenzo Grilli per il training tip tap e a ziamame per la collaborazione ai costumi

Calendario

mercoledì 20 aprile 2022, ore 17.30
giovedì 21 aprile 2022, ore 17.30
venerdì 22 aprile 2022, ore 17.30
sabato 23 aprile 2022, ore 17.30

Highlights

© Andrea Pizzalis

© Andrea Pizzalis

© Andrea Pizzalis

© Andrea Pizzalis

© Andrea Pizzalis

© Andrea Pizzalis

© Andrea Pizzalis

© Andrea Pizzalis

© Andrea Pizzalis

© Andrea Pizzalis

Eventi correlati

Articoli correlati

Archivi e collezione
Esplora centinaia di contenuti →

Modella posa nella sezione del Messico durante un servizio fotografico di moda
Modella posa nella sezione del Messico durante un servizio fotografico di moda
Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.<br/>Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.
Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Ingresso principale sul fronte ovest del Palazzo dell'Arte
Ingresso principale sul fronte ovest del Palazzo dell'Arte
Tre modelle percorrono il Ponte che collega il Palazzo dell'Arte con l'area verde antistante, progetto degli architetti Aldo Rossi e Luca Meda
Tre modelle percorrono il Ponte che collega il Palazzo dell'Arte con l'area verde antistante, progetto degli architetti Aldo Rossi e Luca Meda

Acquista online i biglietti per le singole mostre, il biglietto unico per tutte le mostre puoi acquistarlo in biglietteria. La mascherina non è più obbligatoria per visitare le mostre, ma ne raccomandiamo l’utilizzo per garantire a tutti una maggiore sicurezza.

Organizza la tua visita
Sitemap