Triennale Milano
Alberto Sinigaglia, Castel Bravoll, 2017, courtesy the artist
Incontro

Weak End? Architetture effimere per altri immaginari

24 maggio 2024, ore 16.00
L’evento riflette sul tema delle architetture effimere en plein air progettate per i luoghi della cultura italiani. Ponendo al centro operazioni di intervento minimo sullo spazio aperto, il talk apre un dialogo tra progetti che si propongono come “resistenze” strategiche, capaci di innescare nuovi immaginari per la città e il paesaggio. Gli interventi degli studi (ab)Normal, Associates Architecture, Parasite 2.0, Piovenefabi aprono un dialogo sulle potenzialità dell’effimero che superi il concetto di uno spazio da usare in favore di uno spazio da abitare.
Registrati
Crediti
Promosso da: Università IUAV di Venezia e Architetture sostenibili per i luoghi della cultura, Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura Organizzato da: En plein air. Architetture minime, sostenibilità massima

Veduta notturna del Palazzo dell'Arte ripreso dalla Torre Lsittoria
Veduta notturna del Palazzo dell'Arte ripreso dalla Torre Lsittoria
Veduta notturna dell’abitazione a cupola geodetica di Füller, progetto dell’allestimento dell’architetto Roberto Mango, realizzata nel parco Sempione per la decima Triennale
Veduta notturna dell’abitazione a cupola geodetica di Füller, progetto dell’allestimento dell’architetto Roberto Mango, realizzata nel parco Sempione per la decima Triennale
Tre modelle percorrono il Ponte che collega il Palazzo dell'Arte con l'area verde antistante, progetto degli architetti Aldo Rossi e Luca Meda
Tre modelle percorrono il Ponte che collega il Palazzo dell'Arte con l'area verde antistante, progetto degli architetti Aldo Rossi e Luca Meda
Veduta della Torre Littoria
Veduta della Torre Littoria