UN’ESTATE DI MUSICA CON LA MEMBERSHIP
Tutti i concerti di Triennale Estate sono gratis con le membership Explorer, Insider e Supporter.
Triennale Milano
Exhibition design, Studio Ossidiana
Mostra

Paesi Bassi Ci siamo incontrati? Umani e non umani su un terreno comune

15 luglio – 11 dicembre 2022
Con l'intenzione di favorire nuovi modi di intendere la Terra come spazio condiviso tra piante, esseri umani e altri animali, il progetto affronta le crisi ambientali attuali nel tentativo di cambiare radicalmente l’idea che la terra esista solo in funzione dello sfruttamento umano. La mostra indaga le sensibilità, gli atteggiamenti, le tecnologie e gli strumenti organizzativi necessari a ricalibrare la relazione tra esseri umani e non. Tradizionalmente gli studi naturalistici si affidano a dati quantitativi che offrono pochi indizi su come esseri umani e non umani potrebbero imparare a condividere lo spazio e cooperare. Il progetto ripensa al modo in cui usare questi dati proponendo una gamma di possibili strumenti collaborativi sviluppati da professionisti nel campo dell’arte e del design, dell’agricoltura, della scienza dei dati e delle scienze marine.
Un isolato urbano a Rotterdam, una fattoria rigenerativa nei territori agricoli dell’est del Paese e una piattaforma petrolifera abbandonata nel Mare del Nord sono tre luoghi dei Paesi Bassi, diversi dal punto di vista ecologico, che aiutano a indagare le possibilità delle relazioni interspecie nel tempo. L’esposizione si fonda sul modello organizzativo del progetto Zoöp, sviluppato dall’ Het Nieuwe Instituut.
...altro
Crediti
Ente organizzatore: Het Nieuwe Instituut Committente: Aric Chen Project leader: Francien van Westrenen Curatori: Klaas Kuitenbrouwer; Ellen Zoete Producer: Nikita Hurkmans; Wietske Nutma Art director: Maureen Mooren Exhibition Design: Studio Ossidiana Graphic design: Mislav Žugaj; Gailė Pranckūnaitė Artisti: Harald den Breejen e Sjoerd van Leeuwen (a nome della fattoria rigenerativa Bodemzicht); Dear Hunter; Embassy of the Northsea; Joost Emmerik; Christine Hvidt, Philipp Groubnov, Andrzej Konieczny, Alexander Köppel, Leon Lapa Pereira e Vivien Vuong (studenti presso l'interfacoltà ArtScience - University of the Arts, The Hague, in collaborazione con Rodrigo Delso ed Eric Kluitenberg); Keer Hu, Yuzhi Liu e Jiafeng Zhu; Ian Ingram e Theun Karelse; Takuma Kikuchi, Lucy Li, Florian Sapp e Alan Schiegl, studenti di Design Investigations presso University of Applied Arts, Vienna; Fiona Middleton; Ania Molenda; Brynjar Sigurðarson di Studio Brynjar e Veronika; Togar; Sander Turnhout; Leena Valkeapää e Oula A Valkeapää La mostra è supportata dal Ministero dell'Educazione, della Cultura e della Scienza dei Paesi Bassi Il programma è supportato dall'Ambasciata e dal Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi in Italia. Intern: Ilaria Torresan Testi: Gert Staal Revisione testi: Jack Eden Communicazione: Elske Schreurs e Roos de Waard

Highlights

Manifestations (2017), Leena Valkeapää and Oula A. Valkeapää
Manifestations (2017), Leena Valkeapää and Oula A. Valkeapää
Borgthor (2012), Brynjar Sigurðarson of Studio Brynjar and Veronika
Chicken Mobile (2020-ongoing), Harald den Breejen en Sjoerd van Leeuwen, commissioned by regenerative farm Bodemzicht

Tre modelle percorrono il Ponte che collega il Palazzo dell'Arte con l'area verde antistante, progetto degli architetti Aldo Rossi e Luca Meda
Tre modelle percorrono il Ponte che collega il Palazzo dell'Arte con l'area verde antistante, progetto degli architetti Aldo Rossi e Luca Meda
Veduta della Torre Littoria
Veduta della Torre Littoria
Veduta notturna del Palazzo dell'Arte ripreso dalla Torre Lsittoria
Veduta notturna del Palazzo dell'Arte ripreso dalla Torre Lsittoria
Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers