UN’ESTATE DI MUSICA CON LA MEMBERSHIP
Tutti i concerti di Triennale Estate sono gratis con le membership Explorer, Insider e Supporter.
Triennale Milano
Courtesy Marco Corsucci
Spettacolo

Le mie parole vedranno per me

Marco Corsucci Andrea Dante Benazzo
23 – 24 marzo 2024
Durata 45’
In questo spettacolo sonoro immersivo, due giovani promesse del teatro contemporaneo indagano il rapporto tra vedere e non vedere, portando in scena le testimonianze di persone cieche e ipovedenti. Lo spettatore, affiancato da un performer, sarà messo al centro di un universo percettivo che contempla una pluralità di spazi, voci e suoni, ascoltando in cuffia ricordi e riflessioni di persone con cecità totali o parziali. In questo modo, sarà portato a interrogarsi sulla percezione della realtà e sul rapporto tra cecità e visione nel processo di formazione delle immagini. 
Marco Corsucci nasce a Cattolica nel 1995. Si diploma in regia nel 2022 presso l’Accademia “Silvio D’Amico”. Dopo il diploma è assistente alla regia di Massimiliano Farau per Pene d’amor perdute, di Valentino Villa per Kasimir e Karoline e di Antonio Latella per Hotel Goldoni e La Locandiera. È finalista del bando Biennale College 2022 con Mine-Haha e vincitore del Premio Camilleri 2023 con Il Supermaschio, spettacolo che ha debuttato nell'ambito del Festival dei Due Mondi di Spoleto 2023. 
Andrea Dante Benazzo nasce a Milano nel 1996. Si diploma in recitazione nel 2020 presso l’Accademia “Silvio D’Amico”. È assistente alla regia di Alessandro Businaro per George II (Biennale Teatro 2020) e di Valentino Villa per Au Bord (Romaeuropa Festival 2022). La sua prima regia, Partschótt, è vincitrice dei bandi European Young Theatre (2019), Powered by REf (2020), Animali teatrali fantastici e dove trovarli (2021) e Direction Under30 (2022). Il suo percorso attoriale lo ha portato a lavorare al cinema con Lorenzo Quagliozzi e Gianluca Minucci, e a teatro con Marco Corsucci e Antonio Latella. 
...altro
Scarica il programma
Info
Spettacolo in italiano
Crediti
regia: Marco Corsucci dramaturg: Andrea Dante Benazzo con: Marco Bongi con le voci di: Fabio Bizzotto, Marco Bongi, Angelita Cipriani, Dajana Gioffré, Eugenio Mattiazzi, Simona Tesio, Alessandra Zerbinati suono: Dario Felli, Federico Mezzana luci: Alessio Pascale datore luci: Alessia Massai fonico: Francesco Dina direttrice di scena: Yasmin Pochat disegno modello 3D: Andrea Belli stampa 3D: service “PolyD” produzione: TPE – Teatro Piemonte Europa in collaborazione con: Intesa Sanpaolo / Area X – Area X è un progetto di Intesa Sanpaolo Assicura, Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti – Sezione territoriale di Torino e A.P.R.I. Onlus con la partecipazione al progetto di: Raffaella Albertengo, Walter Boffa, Omar Echbarbi, Pericle Farris, Sara Frigerio, Vanda Mencaglia, Stefano Mercurio, Paolo Peroglio, Valter Primo, Ambrogio Riili

Calendario

sabato 23 marzo 2024, ore 16.00
sabato 23 marzo 2024, ore 18.30
sabato 23 marzo 2024, ore 21.00
domenica 24 marzo 2024, ore 16.00
domenica 24 marzo 2024, ore 18.30
domenica 24 marzo 2024, ore 21.00

Mostra sugli Studi delle proporzioni, allestimento dell'architetto Francesco Gnecchi-Ruscone, esposto nella mostra Studi sulle proporzioni
Mostra sugli Studi delle proporzioni, allestimento dell'architetto Francesco Gnecchi-Ruscone, esposto nella mostra Studi sulle proporzioni
Tre modelle percorrono il Ponte che collega il Palazzo dell'Arte con l'area verde antistante, progetto degli architetti Aldo Rossi e Luca Meda
Tre modelle percorrono il Ponte che collega il Palazzo dell'Arte con l'area verde antistante, progetto degli architetti Aldo Rossi e Luca Meda
Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala