© Anja Köhler

Performance

E Dio si riposò il settimo giorno

Silvia Costa

Prima italiana

Silvia Costa, tra le artiste più interessanti della scena performativa contemporanea, presenta un progetto interattivo che indaga il legame familiare, inteso come un’impresa comune e un disegno collettivo. Più orientata al processo che al risultato, l’esperienza proposta da Silvia Costa vede le tre generazioni di una famiglia impegnate nella condivisione di un compito. Bisnonno/a, nonno/a, padre/madre e figlio/a sono di fronte a una tela bianca. Hanno molti colori a disposizione, pennelli e matite. Muniti di una fotografia di un panorama che li accomuna, si accingono a riprodurlo in forma di dipinto. Guardano la foto, iniziano a tracciare le prime linee, dipingono, si aiutano, prendono decisioni insieme per ricreare l’immagine amata, finché il quadro non sarà finito.

Silvia Costa studia arti visive e dello spettacolo all’Università Iuav di Venezia. Nel 2006 inizia a lavorare come attrice protagonista nella produzione Hey Girl! con la compagnia teatrale Socìetas Raffaello Sanzio fondata da Romeo Castellucci. Parallelamente porta avanti i propri progetti artistici, sviluppando dal 2007 un tipo di teatro visivo e poetico, nutrito da una profonda riflessione intorno al ruolo delle immagini. Di volta in volta autrice, regista, interprete e scenografa, Silvia Costa è un’artista proteiforme che utilizza questi diversi ambiti estetici per approfondire la sua ricerca teatrale. Le sue creazioni sono rappresentate regolarmente nei principali festival italiani e internazionali. Nel 2019 Silvia Costa inizia a creare le sue proprie regie anche per il mondo dell’opera. È stata artista associata di Triennale Milano Teatro e del Centre dramatique national d’Angers.

...altro

Info

Durata 150’

Crediti

concezione: Silvia Costa
creazione dispositivo sonoro: Nicola Ratti
collaborazione alla scenografia: Alessio Valmori
con: una famiglia di tre o quattro generazioni cercata in loco
produzione: Voralberger Landestheater Bregenz
produzione italiana: FOG Triennale Milano Performing Arts

Calendario

sabato 19 marzo 2022, ore 15.00
domenica 20 marzo 2022, ore 15.00

Archivi e collezione
Esplora centinaia di contenuti →

Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.<br/>Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.
Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore
Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore
Mostra sugli Studi delle proporzioni, allestimento dell'architetto Francesco Gnecchi-Ruscone, esposto nella mostra Studi sulle proporzioni
Mostra sugli Studi delle proporzioni, allestimento dell'architetto Francesco Gnecchi-Ruscone, esposto nella mostra Studi sulle proporzioni
Ingresso principale sul fronte ovest del Palazzo dell'Arte
Ingresso principale sul fronte ovest del Palazzo dell'Arte

Stiamo allestendo la 23ª Esposizione Internazionale: gli spazi espositivi e la biglietteria rimarranno chiusi fino al 15 luglio. Continua in giardino la programmazione di Triennale Estate, con incontri, concerti, proiezioni e dj set.

Scopri di più
Sitemap