© Virginia Rota

Spettacolo

DIPTYCH. The Missing Door and The Lost Room

Peeping Tom

Durata 70’
Dopo lo spettacolo del 5 maggio, sul palco, ci sarà un incontro con la compagnia Peeping Tom, che presenterà il suo lavoro e la sua ricerca artistica

Un incontro romantico in una camera d’albergo, un dramma che si consuma tra le pareti di un salotto borghese: in un intrico di porte e scenari, danza e teatro danno forma a narrazioni frammentate e atmosfere da thriller psicologico.
La compagnia belga Peeping Tom, tra le più visionarie della scena internazionale, sfuma il confine tra realtà e finzione animando un dramma disturbante, tra stanze che celano inganni e trame misteriose.In un cinematografico susseguirsi di scene dalle tinte noir, marchio di fabbrica della compagnia, figure ambigue si muovono acrobatiche e convulse, come pedine in mano a forze sconosciute, esponendo i caratteri più crudi dell’animo umano.

Peeping Tom è una compagnia belga di teatro-danza fondata da Gabriela Carrizo e Franck Chartier. Dalla sua fondazione nel 2000 a Bruxelles ha presentato le sue creazioni in tutto il mondo, ricevendo diversi importanti riconoscimenti, tra cui il Premio Laurence Olivier nel Regno Unito per 32 rue Vandenbranden (2009) e il Patrons Circle Award all'International Arts Festival di Melbourne. Il processo di lavoro della compagnia parte sempre da un'ambientazione iperrealista che in seguito si apre e inizia a sfidare la logica del tempo, dello spazio e dell'umore. In questa cornice, il pubblico diventa testimone, o meglio voyeur, di ciò che di solito rimane nascosto e non detto, venendo trascinato in mondi subconsci, incubi, paure e desideri.

...altro

Crediti

ideazione, regia: Gabriela Carrizo e Franck Chartier
performance: Konan Dayot, Fons Dhossche, Lauren Langlois, Panos Malactos, Alejandro Moya, Fanny Sage, Eliana Stragapede, Wan-Lun Yu
assistente alla creazione: Thomas Michaux
drammaturgia del suono: Raphaëlle Latini
progetto sonoro, arrangiamenti: Raphaëlle Latini, Ismaël Colombani, Annalena Fröhlich, Louis-Clément Da Costa, Eurudike De Beul
light design: Tom Visser
set design: Gabriela Carrizo, Justine Bougerol
design costumi: Seoljin Kim, Yichun Liu, Louis-Clément Da Costa
sartoria: Sara van Meer, Lulu Tikovsky, Wu Bingyan (intern)
coordinamento tecnico: Giuliana Rienzi
tecnici: Bram Geldhof/Ilias Johri (luci), Tim Thielemans/Jonas Castelijns (suono)
direzione di scena: Thomas Dobruszkes (stage manager), Clement Michaux
stagisti produzione: Lisa Gunstone, Robin Appels
tour manager: Amaury Vanderborght
responsabile produzione: Helena Casas
responsabile comunicazione: Sébastien Parizel
manager compagnia: Veerle Mans
produzione: Peeping Tom
coproduzione: Opéra National de Paris, Opéra de Lille, Tanz Köln, Göteborg Dance and Theatre Festival, Théâtre National Wallonie-Bruxelles, deSingel Antwerp, GREC Festival de Barcelona, Festival Aperto – Fondazione I Teatri (Reggio Emilia), Torinodanza Festival – Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale (Torino), Dampfzentrale Bern, Oriente Occidente Dance Festival (Rovereto)
distribuzione: Frans Brood Productions
con il supporto di: programma di protezione fiscale del governo federale belga

basato su Adrift, creato con il corpo di ballo di NDT I (Chloe Albaret, Lydia Bustinduy, César Faria Fernandes, Fernando Hernando Magadan/Spencer Dickhaus, Anna Hermann, Anne Jung, Marne Van Opstal, Roger van der Poel, Meng-keWu, Ema Yuasa/Rena Narumi), con l’assistenza artistica di Louis-Clément Da Costa, Seoljin Kim e Yi-Chun Li

Calendario

venerdì 5 maggio 2023, ore 17.30
sabato 6 maggio 2023, ore 14.00

Highlights

© Maarten Van den Abeele

© Virginia Rota

Archivi e collezione
Esplora centinaia di contenuti →

Lampadario "carciofo" di Poul Henningsen, nella sezione della Danimarca
Lampadario "carciofo" di Poul Henningsen, nella sezione della Danimarca
Modella posa nella sezione del Messico durante un servizio fotografico di moda
Modella posa nella sezione del Messico durante un servizio fotografico di moda
Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Sitemap