freedom = love

14 gennaio 2020

"Queste emissioni e radiazioni luminose esistono in natura e nella pittura, ma anche negli esseri umani o nei pianeti. Mi interessava il momento dell’emissione luminosa a partire dagli elementi, come esseri umani che emanano la propria saggezza." racconta Koo Jeong A. L'artista lavora fin dagli anni Novanta sulla reinvenzione degli spazi attraverso installazioni esperienziali e immersive, per stimolare una partecipazione fisica e mentale dello spazio che arriva a sfidare le dinamiche relazionali tra uomo e oggetto, tra individuo e collettività.

Koo Jeong A, OSLO, Guggenheim collection, 1998
Koo Jeong A, OSLO, Guggenheim collection, 1998
Koo Jeong A, OTRO, 2008-2012
Koo Jeong A, OTRO, 2008-2012
OUSSSER, Koo Jeong A, Fondazion La Raia, 2014, foto di Alessandro Calabrese
OUSSSER, Koo Jeong A, Fondazion La Raia, 2014, foto di Alessandro Calabrese
DENSITY, Koo Jeong A AR alexanderplat, 2019
DENSITY, Koo Jeong A AR alexanderplat, 2019

"Lo Skatepark è la dimostrazione di cosa significa giocare: giocare con vera determinazione e con capacità concrete. Gli skateboarder si muovono con la grazia di danzatori, padroni dello spazio, della velocità e del movimento. Per me, è come se disegnassero nello spazio. Proprio come coreografi, definiscono il movimento del corpo umano e, come danzatori, riescono a concludere imprese notevoli che comportano enorme sforzo e resistenza." spiega Julia Peyton-Jones, curatrice, insieme a Lorenza Baroncelli, dell'installazione OooOoO.

Koo Jeong A, foto di André Lucat, 2019

Nominata "Artista dell’Anno" nel 2016 dal centro di Cultura Coreana nel Regno Unito e celebrata con una mostra personale a Londra nell’ottobre del 2016, Koo Jeong A dagli anni Novanta lavora alla reinvenzione di spazi con opere site-specific, che spesso comprendono elementi architettonici, disegni, narrativa, poesia, pubblicazioni, installazioni, sculture, film, opere sonore e architettura.

Koo Jeong A, A Reality Upgrade & End Alone, Dia Beaco, photo C Carver, diamonds cristals various dimension, 2003, 2006, 2009, 2010, 2011, 2012
Koo Jeong A, A Reality Upgrade & End Alone, Dia Beaco, photo C Carver, diamonds cristals various dimension, 2003, 2006, 2009, 2010, 2011, 2012
Koo Jeong A, Constellation Congress, Dan Flavin Institute, 2010
Koo Jeong A, Constellation Congress, Dan Flavin Institute, 2010
Sail design for Nico Dockx Institute, Koo Jeong A, 2015
Sail design for Nico Dockx Institute, Koo Jeong A, 2015
Koo Jeong A, painting on canvas after CURIOUSSSA, 2017
Koo Jeong A, painting on canvas after CURIOUSSSA, 2017

Ha tenuto mostre personali presso il Musée d’Art Moderne de la Ville a Parigi, al Moderna Museet di Stoccolma, al Centre Georges Pompidou di Parigi e alla Pinksummer di Genova e in tanti altri musei e gallerie.

Crediti

OooOoO di Koo Jeong A
Music Design Koreless
OooOoO è parte di PLAY! un progetto ideato e curato da Julia Peyton-Jones con Lorenza Baroncelli
Art Direction: NORM Zurich
Video diretto e editato da: Diana Manfredi
Fotografia: Daniele Signaroldi

Eventi correlati

Nel rispetto del DPCM del 3 novembre 2020, Triennale Milano è chiusa al pubblico fino al 3 dicembre 2020. La programmazione online continua con Triennale Upside Down: video, podcast, dirette, approfondimenti sul Magazine e tanti altri contenuti che verranno pubblicati su questo sito e sui canali social.

Sitemap