© Margherita Orsini

Spettacolo

Personne, chroniques d’une jeunesse

Ugo Fiore – Federica Furlani – Livia Rossi

PRIMA ITALIANA

Durata 50’
Spettacolo in italiano. Sovratitoli in italiano e inglese per la replica del 26 marzo. I sovratitoli includono informazioni per la facilitazione della comprensione per persone con disabilità uditive

Tra le stanze di una casa d’infanzia – dove il tempo viene compresso, dilatato e riscritto – prendono vita i ricordi di Ugo, ormai adulto. I contorni sono fin da subito quelli di una fiaba, il cui intreccio precipita nell’incontro con un mostro.
Ugo Fiore e Livia Rossi, insieme alla musicista Federica Furlani, mettono in scena un dramma autobiografico, una favola nera sulle radici del tradimento di un bambino da parte del mondo degli adulti.
Grazie alla compresenza di italiano e francese e al lavoro evocativo della musica, lo spettacolo si nutre di mistero e ambiguità, trasformando un episodio traumatico in potente fatto teatrale. 


Ugo Fiore
nasce a Parigi nel 1991, dove studia con Jean-Louis Jacopin e Jean-Pierre Garnier. Nel 2017 si diploma presso la Scuola del Piccolo Teatro di Milano. Parallelamente alla sua attività di attore, comincia un percorso come assistente alla regia affiancando Carmelo Rifici in diverse produzioni (Macbeth, Ci guardano, Doppio sogno, Le relazioni pericolose, Processo Galileo). Nel 2022, insieme a Livia Rossi e Federica Furlani, vince il bando Forever Young de La Corte Ospitale con Personne, chroniques d’une jeunesse. Studia filosofia all’Università Statale di Milano.

Livia Rossi nasce a Milano nel 1993. Si diploma alla Scuola del Piccolo Teatro di Milano nel 2017, debuttando con Uomini e no di Carmelo Rifici. Nel 2022 prende parte come attrice e coautrice allo spettacolo Le relazioni pericolose (regia di Carmelo Rifici). Insieme a Ugo Fiore e Federica Furlani, vince il bando Forever Young indetto da La Corte Ospitale, con lo spettacolo Personne, chroniques d’une jeunesse. Al cinema è diretta da Gianni Amelio ne L’intrepido (2013) e in Hammamet (2020).

Federica Furlani si diploma in viola e in musica elettronica presso il Conservatorio G. Verdi di Milano. Dal 2014 lavora come sound designer, compositrice e musicista di scena con Antonio Latella, Carmelo Rifici e altri registi e coreografi per spettacoli andati in scena al Piccolo Teatro di Milano, al Teatro Stabile di Torino, all’Arena del Sole di Bologna e alla Biennale Teatro di Venezia. Ha affiancato come assistente Franco Visioli (Leone d’Oro alla carriera) per i workshop di sound design della Biennale di Venezia.

...altro

Info

Con il supporto di Fondazione Nuovi Mecenati – Fondazione franco-italiana di sostegno alla creazione contemporanea

Crediti

di: Ugo Fiore, Livia Rossi
drammaturgia: Livia Rossi
con: Ugo Fiore, Federica Furlani
progetto sonoro: Federica Furlani
consulenza alle scene: Paolo Di Benedetto
consulenza al disegno luci: Giulia Pastore
scene realizzate da: Laboratorio di scenografia Bruno Colombo e Leonardo Ricchelli del Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa
produzione La Corte Ospitale
coproduzione: Proxima Res
con il sostegno di: Ministero della Cultura, Regione Emilia-Romagna

Calendario

sabato 25 marzo 2023, ore 18.30
domenica 26 marzo 2023, ore 14.00

Archivi e collezione
Esplora centinaia di contenuti →

Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Modella posa nella sezione del Messico durante un servizio fotografico di moda
Modella posa nella sezione del Messico durante un servizio fotografico di moda
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.<br/>Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.
Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Sitemap