Lucy McRae, Compression Cradle 2019, photo: Daria Scagliola

Commissario:
Guus Beumer, direttore artistico e generale del Het Nieuwe Instituut

Curatori:
Angela Rui, curatrice e ricercatrice di design; Marina Otero Verzier, direttrice di Ricerca al Het Nieuwe Instituut; Francien van Westrenen, direttrice del Dipartimento per i Programmi Internazionali

Partecipanti:
Academy for Urban Astronauts, Ramon Amaro, Danilo Correale, Design Academy Eindhoven, Het Nieuwe Instituut, dipartimenti di Ricerca e Patrimonio, Lucy McRae, Melvin Moti, Bregtje van der Haak, Pascal van Hulst & Oscar Peña, Richard Vijgen, Leanne Wijnsma

Direzione artistica:                                                       
Maureen Mooren

Grafica e figurarsi:
Rudy Guedj

Design degli spazi:
Olivier Goethals

Responsabile del progetto:
Mark van der Veen e Ellen Zoete

Produzione
:
Bouwko Landstra, Rob Gijsbers e la sua squadra

La mostra è stata resa possibile dal generoso sostegno del Ministero olandese dell’Istruzione, Cultura e Scienza.

Mostra

Paesi Bassi
I See That 
I See What You Don’t See

I Paesi Bassi sono una delle nazioni più illuminate del globo. Il loro paesaggio produttivo – dipendente da dati, tecnologia ed energia – svela un’economia funzionante 24 ore su 24 che pone l’accento sull’efficienza e la crescita. Al tempo stesso, questo territorio cartesiano riflette il rapporto mutevole con i ritmi naturali legati a, o influenzati dai cicli di luce e buio. In un mondo perennemente acceso, la dicotomia tradizionale tra giorno e notte non sembra più rilevante in termini di produttività, mentre l’esperienza del cielo stellato è diventata qualcosa di raro.

Questo ambiente iperconnesso e controllato in cui i confini tra natura, ecologia, tecnologia e cultura sono sempre più sfumati è il risultato di atti ripetuti di design. Riflettendo sulla presenza onnipervasiva e tuttavia invisibile di questo ambiente, il contributo dei Paesi Bassi alla XXII Triennale di Milano esplora il design come problema e soluzione, come impresa distruttiva e potenzialmente rigenerante.

In I See That I See What You Don’t See designer, artisti e ricercatori dei Paesi Bassi e di altre provenienze offrono una rappresentazione stratificata degli attuali rapporti delle diverse specie con il buio, innescando risposte critiche creative al fenomeno. Ricerca, video, performance, paesaggi sonori e olfattivi contribuiscono a formare un meccanismo di visione che illustra come le modalità attuali di interpretazione dell’ambiente siano esito di un’operazione di design, e come potrebbero quindi essere ridisegnate.

Crediti

Mostra prodotta da:
Het Nieuwe Instituut

Commissario:
Guus Beumer, direttore artistico e generale del Het Nieuwe Instituut

Curatori:
Angela Rui, curatrice e ricercatrice di design; Marina Otero Verzier, direttrice di Ricerca al Het Nieuwe Instituut; Francien van Westrenen, direttrice del Dipartimento per i Programmi Internazionali

Partecipanti:
Academy for Urban Astronauts, Ramon Amaro, Danilo Correale, Design Academy Eindhoven, Het Nieuwe Instituut, dipartimenti di Ricerca e Patrimonio, Lucy McRae, Melvin Moti, Bregtje van der Haak, Pascal van Hulst & Oscar Peña, Richard Vijgen, Leanne Wijnsma

Direzione artistica:                                                       
Maureen Mooren

Grafica e figurarsi:
Rudy Guedj

Design degli spazi:
Olivier Goethals

Responsabile del progetto:
Mark van der Veen e Ellen Zoete

Produzione
:
Bouwko Landstra, Rob Gijsbers e la sua squadra

La mostra è stata resa possibile dal generoso sostegno del Ministero olandese dell’Istruzione, Cultura e Scienza.

Highlights

Panorama I See That I See What You Don’t See, Rudy Guedj, 2019, photo Daria Scagliola

Danilo Correale, The Unsleep, photo: Daria Scagliola 

Eventi correlati

Partecipazioni Internazionali

Archivi e collezione
Esplora centinaia di contenuti →

Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Mostra sugli Studi delle proporzioni, allestimento dell'architetto Francesco Gnecchi-Ruscone, esposto nella mostra Studi sulle proporzioni
Mostra sugli Studi delle proporzioni, allestimento dell'architetto Francesco Gnecchi-Ruscone, esposto nella mostra Studi sulle proporzioni
Veduta notturna dell’abitazione a cupola geodetica di Füller, progetto dell’allestimento dell’architetto Roberto Mango, realizzata nel parco Sempione per la decima Triennale
Veduta notturna dell’abitazione a cupola geodetica di Füller, progetto dell’allestimento dell’architetto Roberto Mango, realizzata nel parco Sempione per la decima Triennale
Interno del Tunnel Pneu, progetto di Jonathan De Pas, Donato D’urbino e Paolo Lomazzi
Interno del Tunnel Pneu, progetto di Jonathan De Pas, Donato D’urbino e Paolo Lomazzi

Scopri le mostre su Angelo Mangiarotti e Ettore Sottsass.

Scopri di più
Sitemap