UN’ESTATE DI MUSICA CON LA MEMBERSHIP
Tutti i concerti di Triennale Estate sono gratis con le membership Explorer, Insider e Supporter.
Triennale Milano
Foto di Joe Perri
Concerto

Oneohtrix Point Never

5 luglio 2024, ore 21.00
Giardino
TRIENNALE ESTATE
Con le membership Explorer, Insider e Supporter partecipi alla programmazione musicale nel nostro giardino.
Daniel Lopatin – aka Oneohtrix Point Never – illumina il Giardino di Triennale con un live speciale. Musicista, compositore e produttore di Brooklyn, nominato al Mercury Prize, Daniel ha pubblicato numerosi album acclamati dalla critica, tra cui l'ultimo Again.
Lopatin è stato il direttore musicale dell'Halftime Show del Super Bowl 2021 di The Weeknd e ha composto ed eseguito la musica della sfilata Métiers d'art 2021 di Chanel. Più di recente è stato produttore di Soccer Mommy's Sometimes, Forever e produttore esecutivo dell'album di The Weeknd, primo in classifica mondiale, Dawn FM. Si è anche esibito nella maggior parte delle canzoni dell'album. Ha collaborato con numerosi artisti, tra cui James Blake, Ishmael Butler, Charli XCX, Kelsey Lu, Iggy Pop, Rosalía, Caroline Polachek, Elizabeth Fraser, e tra i suoi crediti di produzione figurano The Weeknd, Soccer Mommy, ANOHNI, FKA Twigs, David Byrne, Moses Sumney e Nine Inch Nails.
...altro
Crediti
In collaborazione con Basemental, Influxus e Le Cannibale

Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore
Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore
Veduta della Torre Littoria
Veduta della Torre Littoria
Tre modelle percorrono il Ponte che collega il Palazzo dell'Arte con l'area verde antistante, progetto degli architetti Aldo Rossi e Luca Meda
Tre modelle percorrono il Ponte che collega il Palazzo dell'Arte con l'area verde antistante, progetto degli architetti Aldo Rossi e Luca Meda
Interno del Tunnel Pneu, progetto di Jonathan De Pas, Donato D’urbino e Paolo Lomazzi
Interno del Tunnel Pneu, progetto di Jonathan De Pas, Donato D’urbino e Paolo Lomazzi