© Mark Maborough

Spettacolo

Never Twenty One

Smaïl Kanouté

Prima italiana

Riprendendo l’hashtag #Never21 lanciato dal movimento Black Lives Matter, il lavoro di Smaïl Kanouté – per la prima volta in Italia – ricorda le vittime della violenza da arma da fuoco a New York, Rio de Janeiro o Johannesburg. Giovani che non compiranno mai 21 anni. Il numero diventa simbolo di queste vite rubate. Coperti di graffiti, i corpi dei tre danzatori incarnano le parole delle vittime e delle loro famiglie, in un’atmosfera urbana infusa di sciamanesimo. Il poliedrico artista franco-maliano modula energie diverse per evocare la presenza invisibile di giovani le cui vite sono state bruscamente interrotte.

FOG approfondisce il lavoro dell’autore presentando in prima italiana anche i suoi cortometraggi Yasuke KurosanNever Twenty One e So Ava(il 21 marzo alle ore 18.00 all’Institut français di Milano). Una trilogia sul tema del colonialismo e della persistenza di riti ancestrali come affermazione identitaria.

Smaïl Kanouté ha studiato grafica e successivamente ha imparato a danzare sulle strade francesi, brasiliane, maliane ed europee. Fondendo la danza con l’arte visiva, il suo lavoro coreografico diventa un dipinto di motivi che si muovono nello spazio. Raccogliendo storie da tutto il mondo e raccontando realtà sociali, la sua arte si ispira a diverse influenze artistiche e multiculturali. Attraverso il suo lavoro, invita il pubblico a intraprendere un viaggio di scoperta di sé stessi, condividendo la sua visione di bellezza e umanità. Kanouté vive e lavora a Parigi, dove ha fondato la compagnia Vivons. I suoi ultimi lavori indagano – attraveso diversi linguaggi – il tema del colonialismo e della persistenza di riti ancestrali come affermazione identitaria.

...altro

Info

Durata 60’

Crediti

coreografia: Smaïl Kanouté
interpretazione: Aston Bonaparte, Salomon Mpondo-Dicka, Smaïl Kanouté
pittura corpo: Lorella Disez
assistente alla coreografia: Moustapha Ziane
scene, luci: Olivier Brichet
suono: Paul Lajus
direzione luci: Josselin Allaire
costumi: Rachel Boa and Ornella Maris
produzione esecutiva: Compagnie Vivons
coproduzione: Les Ateliers Médicis, Espace 1789 – Scène conventionnée danse, Les Rencontres Chorégraphiques Internationales de Seine Saint Denis, Le Centquatre, Théâtre de la Ville – Danse élargie 2020 – Fondation d’entreprise Hermès
con il sostegno di: Direction Régionale des Affaires Culturelles Ile de France, Région Ile de France Département de la Seine-Saint-Denis, Ville de Paris, Adami, Spedidam, Caisse des Dépôts
con il supporto di: Fondazione Nuovi Mecenati – Fondazione franco-italiana di sostegno alla creazione contemporanea

Calendario

martedì 22 marzo 2022, ore 18.30
mercoledì 23 marzo 2022, ore 18.30

Eventi correlati

Archivi e collezione
Esplora centinaia di contenuti →

Lampadario "carciofo" di Poul Henningsen, nella sezione della Danimarca
Lampadario "carciofo" di Poul Henningsen, nella sezione della Danimarca
Ingresso principale sul fronte ovest del Palazzo dell'Arte
Ingresso principale sul fronte ovest del Palazzo dell'Arte
Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.<br/>Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.
Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore
Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore

La 23ª Esposizione Internazionale Unknown Unknowns. An Introduction to Mysteries è aperta! Vieni a scoprirla fino all'11 dicembre.

Scopri di più
Sitemap