FOG A TEATRO FINO AL 7 MAGGIO
Abbonati a FOG festival con la nostra membership per non perderti nemmeno uno spettacolo tra il meglio delle performing arts internazionali.
Triennale Milano
© Arne Hauge
Spettacolo

Bad Dante Bad English Bad Opera

Spreafico Eckly – Matteo Fargion
22 – 23 marzo 2023
PRIMA ITALIANA
Durata 90’ Spettacolo in inglese con libretto di sala
Umorismo, sperimentazione e sinfonie d’archi: quattro performer e tre musicisti ricostruiscono il viaggio di Dante tra le anime errabonde e le loro storie. Su un set minimale, un’interpretazione in chiave anti accademica dei primi nove canti del Purgatorio dantesco unisce recitazione, canto, danza e musica da camera. Il lavoro traduce il rigore della metrica originale in un inglese scanzonato, privando la Commedia dell’aura di sacralità acquisita nel corso dei secoli, e riportandola a un’originale dimensione “volgare”. In questa cornice, la sensazione di limbo e sospensione viene messa in scena – in modo intelligente e divertente – come esperienza umana condivisa tra ricerca di giustizia e riscatto, nostalgia e rabbia.
Spreafico Eckly è una compagnia internazionale con sede a Bergen (Norvegia) fondata e diretta da Andrea Spreafico. Con una costante spinta verso una drammaturgia dettagliata e processi creativi sistematici, Spreafico Eckly tende a sfidare i confini dei generi, muovendosi liberamente tra teoria, danza, musica eteatro. La compagnia sviluppa i propri lavori in collaborazione con artisti di grande esperienza, come Matteo Fargion, Theatre Replacement, Robert M Johanson e Nicola Gunn. Andrea Spreafico ha conseguito un dottorato di ricerca in filosofia presso le università di Bologna e Reims e un diploma in arte e spazi pubblici presso l'Accademia di Belle Arti di Norimberga. Attualmente è professore associato nel programma artistico della Bergen School of Architecture (BAS). Matteo Fargion è compositore, performer e insegnante. Il suo lavoro eclettico – che deriva in larga misura dai movimenti sperimentali inglesi – abbraccia pienamente la filosofia dell’home-made. È conosciuto sia per la lunga collaborazione con il coreografo Jonathan Burrows sia per la musica composta per concerti e spettacoli teatrali e di danza. In maniera del tutto personale ha iniziato ad accompagnare la danza con la propria musica diventando parte di essa, anticipando una nuova generazione di compositori attratti dal performativo. Ad oggi, proseguono le sue tournée e la sua attività di insegnamento con Burrows, in cui sviluppa nuove forme di collaborazione performativa. Matteo Fargion ha recentemente collaborato anche con Mette Edvardsen per oslo e per l'opera Penelope Sleeps. Attualmente sta lavorando con Spreafico Eckly a uno spettacolo basato sul Purgatorio di Dante.
...altro
Leggi il programma e il libretto
Crediti
musica: Matteo Fargion testo, direttore: Andrea Spreafico cantanti: Francesca Fargion, Matteo Fargion, Robert M. Johanson, Martha MacBean musicisti: Björn Guo, Stefan Penjin, Live Sunniva Smidt luci: Randiane Sandboe sound designer: Tor Erik Eriksson costumi, set design: Miranda Mac Letten coreografia (Canto V): Timothy Bartlett, Miranda Mac Letten coreografia (Canto VI): Mirte Bogaert, Karen Eide Bøen produzione: Spreafico Eckly, Art & About coproduzione: Rosendal Teater (Trondheim), BIT Teatergarasjen (Bergen)

Calendario

mercoledì 22 marzo 2023, ore 19.30
giovedì 23 marzo 2023, ore 19.30

Highlights

© Arne Hauge
© Arne Hauge
© Arne Hauge

Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore
Caleidoscopio nella Sezione introduttiva a carattere internazionale, nel Salone d'onore
Modella posa nella sezione del Messico durante un servizio fotografico di moda
Modella posa nella sezione del Messico durante un servizio fotografico di moda
Lampadario "carciofo" di Poul Henningsen, nella sezione della Danimarca
Lampadario "carciofo" di Poul Henningsen, nella sezione della Danimarca
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala