© Julie Masson

Spettacolo

Aucune idée

Christoph Marthaler

Una performance intima e divertente che mette in scena l’incontro e l’amicizia tra due straordinarie menti creative. Il regista svizzero Christoph Marthaler e l’attore scozzese Graham F. Valentine hanno creato insieme un progetto quarantennale, fatto di complicità, musica, performance e battute, con un pizzico di elegante irriverenza. In questo capolavoro di teatro musicale d’avanguardia, sono accompagnati dal musicista Martin Zeller, suonatore di viola da gamba e violoncellista barocco. Un titolo tanto umoristico quanto programmatico presenta il lavoro: Aucune idée (“Nessun’idea”). Affidandosi alla musicalità e al lavoro ritmico degli artisti, la drammaturgia lascia spazio all’improvvisazione e all’ignoto, con momenti assurdi e grotteschi.

Nato in Svizzera, Christoph Marthaler si forma inizialmente come oboista e flautista prima di entrare nel mondo del teatro. La sua formazione teatrale inizia all’École Lecoq nel 1968 a Parigi. Ispirato da entrambe le discipline artistiche, crea spettacoli in cui musica e parole sono in costante dialogo. Il suo primo spettacolo musicale, Indeed, debutta a Zurigo nel 1980. Dal 2000 al 2004 dirige la Schauspielhaus di Zurigo. Tra i suoi lavori più famosi: Groundings, a Variation on Hope, Riesenbutzbach: A Permanent Colony, Papperlapapp e Meine Faire Dame. Nel 2014 crea Heimweh & Verbrechen al Deutsches Schauspielhaus di Amburgo, Hoffmann’s Tales al Teatro Real di Madrid e Lulu alla State Opera di Amburgo. Come regista si distingue per la sua estetica innovativa con lavori ambientati in spazi quotidiani come sale d’attesa, bar o farmacie. È stato artista associato del Festival di Avignone. Ha ricevuto il Premio Internazionale Ibsen.

...altro

Info

Durata 80’
Spettacolo in francese e inglese con sovratitoli in italiano e inglese

Crediti

ideazione, regia: Christoph Marthaler
drammaturgia: Malte Ubenauf
scene: Duri Bischoff
musica: Martin Zeller
costumi: Sara Kittelmann
assistente alla regia: Camille Logoz, Floriane Mésenge
luci: Jean-Baptiste Boutte
suono: Charlotte Constant
direttore di scena (in tournée): Stéphane Sagon
luci (in tournée): Jean-Baptiste Boutte, Jean-Luc Mutrux (alternati)
suono (in tournée): Charlotte Constant
guardaroba: Cécile Delanoë
allestimento scene, accessori: Théâtre Vidy
traduzione dei sovratitoli: Camille Logoz, Dominique Godderis-Chouzenoux
produzione: Anouk Luthier
con: Graham F. Valentine, Martin Zeller
produzione: Théâtre Vidy
coproduzione: Festival d'Automne à Paris, Théâtre de la Ville, Temporada Alta, Festival international de Catalunya Giron/Salt, TANDEM – Scène nationale, Napoli Teatro, Maillon Théâtre de Strasbourg – Scène européenne, Théâtre national de Nice, CDN Nice Côte d’Azur, Le Manège – Scène nationale, Maubeuge, Fondazione Campania dei Festival, Campania Teatro Festival
testi, traduzioni: Camille Logoz, Christoph Marthaler, Floriane Mésenge, Malte Ubenauf, Graham F. Valentine
con citazioni di opere di: Walter Abish, Kurt Kusenberg, Henri Michaux, Georges Perec, Kurt Schwitters, Edith Sitwell, Richard Wagner, Rosemarie Waldrop
composizioni musicali: Jean-Sébastien Bach, Léo Ferré, Antoine Forqueray, Thomas Morley, Camille Saint-Saëns, Franz Schubert, Rev. John Skinner, Richard Wagner, una canzone popolare irlandese
con il sostegno di: Fondation Françoise Champoud, Pro Helvetia – Fondation Suisse pour la culture, Le Cercle des mécènes 

Calendario

martedì 15 marzo 2022, ore 18.30
mercoledì 16 marzo 2022, ore 18.30

Highlights

© Julie Masson

© Julie Masson

Archivi e collezione
Esplora centinaia di contenuti →

Ingresso principale sul fronte ovest del Palazzo dell'Arte
Ingresso principale sul fronte ovest del Palazzo dell'Arte
Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.<br/>Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.
Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Veduta notturna dell’abitazione a cupola geodetica di Füller, progetto dell’allestimento dell’architetto Roberto Mango, realizzata nel parco Sempione per la decima Triennale
Veduta notturna dell’abitazione a cupola geodetica di Füller, progetto dell’allestimento dell’architetto Roberto Mango, realizzata nel parco Sempione per la decima Triennale
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala

Stiamo allestendo la 23ª Esposizione Internazionale: gli spazi espositivi e la biglietteria rimarranno chiusi fino al 15 luglio. Continua in giardino la programmazione di Triennale Estate, con incontri, concerti, proiezioni e dj set.

Scopri di più
Sitemap