© Marinka Masséus

Spettacolo

Leggere Lolita a Teheran

Cinzia Spanò – Roberta Di Mario 

19 febbraio 2023, ore 20.00

Teatro Out Off

Durata 60’

Nell'autunno del 1995, dopo aver dato le dimissioni dal mio ultimo incarico accademico, decisi di farmi un regalo e realizzare un sogno. Chiesi alle sette migliori studentesse che avevo di venire a casa mia il giovedì mattina per parlare di letteratura”. Inizia così il romanzo Leggere Lolita a Teheran di Azar Nafisi, tra i bestseller del “New York Times” per oltre due anni. La vicenda narra la vera storia dell'autrice, costretta a lasciare l'università dove insegnava a causa delle pressioni dello stato iraniano, e che trasformerà la propria casa in un luogo di resistenza letteraria. Seguendo il suo esempio, l'attrice Cinzia Spanò e la musicista Roberta Di Mario propongono un reading di brani tratti dal romanzo. Un omaggio alla forza delle donne iraniane.


Cinzia Spanò
vive a Milano, è attrice, drammaturga, regista teatrale e attivista. Nel 2020 il “Corriere della Sera” l’ha inserita tra le 100 donne dell’anno da ricordare. È socia fondatrice e presidente di Amleta, associazione per il contrasto alle disparità e alla violenza nel mondo dello spettacolo, Premio Amnesty International Arte e Diritti Umani 2021. Come attrice ha vinto il Premio Hystrio, il Premio Imola, il Premio Anteprima ed è stata nominata agli Ubu per il teatro. I suoi testi sono prodotti dal Teatro Elfo Puccini di Milano: La Moglie, vincitore del Premio Donne e Teatro 2017, e Tutto quello che volevo, vincitore del Premio Milano Donna 2019. 

Roberta Di Mario è una compositrice e pianista italiana di fama internazionale, direttrice artistica e curatrice di festival musicali. Conosciuta come musicista post-classica, non lascia nulla al di fuori del suo mondo creativo. Opera nel mondo della musica classica e contemporanea, del teatro, dell’arte, del cinema e della pubblicità. È in tour in Italia e all’estero con due progetti artistici: A new beginning/Il suono dopo il silenzio, che celebra un nuovo inizio, una rinascita; e Connessioni, uno spettacolo dove musica, arte, filosofia e danza si incontrano per una nuova visione fiduciosa del futuro. Ha all’attivo quattro album; i più recenti sono i progetti discografici Illegacy e Disarm, pubblicati con Warner Music.

...altro

Info

In collaborazione con Teatro Out Off

Crediti

reading a cura di: Cinzia Spanò 
dal romanzo di: Azar Nafisi 
pubblicato da: Adelphi 
con la traduzione di: Roberto Serrai 
con: Roberta Di Mario, Cinzia Spanò
composizioni originali: Roberta Di Mario
immagini tratte dal progetto fotografico My Stealthy Freedom Iran di Marinka Masseus
realizzazione video: Elvio Longato
con il patrocinio di: Amnesty International 

Archivi e collezione
Esplora centinaia di contenuti →

Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.<br/>Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.
Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Tre modelle percorrono il Ponte che collega il Palazzo dell'Arte con l'area verde antistante, progetto degli architetti Aldo Rossi e Luca Meda
Tre modelle percorrono il Ponte che collega il Palazzo dell'Arte con l'area verde antistante, progetto degli architetti Aldo Rossi e Luca Meda
Veduta notturna dell’abitazione a cupola geodetica di Füller, progetto dell’allestimento dell’architetto Roberto Mango, realizzata nel parco Sempione per la decima Triennale
Veduta notturna dell’abitazione a cupola geodetica di Füller, progetto dell’allestimento dell’architetto Roberto Mango, realizzata nel parco Sempione per la decima Triennale
Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Sitemap