UN’ESTATE DI MUSICA CON LA MEMBERSHIP
Tutti i concerti di Triennale Estate sono gratis con le membership Explorer, Insider e Supporter.
Triennale Milano
© Rob Thys
Performance

RECORD

Francesca Grilli
10 – 11 luglio 2024
Ore 19.00 e 21.00 Durata 30' Hai una membership Explorer, Insider o Supporter? Il tuo accompagnatore entra con tariffa ridotta!
Il termine giapponese hikikomori descrive la patologia sociale che porta alcune persone – soprattutto giovani e adolescenti – a rifiutare il contatto con il mondo esterno, chiudendosi nella propria stanza, tra le mura di casa. Dalle conversazioni tra l'artista e un hikikomori nasce RECORD: un coro di giovani voci canta le memorie di questi dialoghi, tra confessione e racconto, in bilico su un cornicione, una finestra, un corridoio, luoghi al confine tra lo spazio intimo di una casa e lo spazio pubblico. Questa posizione fisica di disequilibrio richiama la sfida delle giovani generazioni, che devono “buttarsi” nel mondo per scoprirsi e definirsi, in una società che fa del fallimento uno dei suoi più grandi tabù.
Francesca Grilli (1978, Italia) è un'artista italiana con sede a Bruxelles. Utilizza un linguaggio multidisciplinare incentrato principalmente su pratiche performative, installazioni e video, con una particolare attenzione al suono in tutte le sue forme e registri. I suoi lavori, legati a tematiche politiche, sociali e poetiche, si sviluppano intorno al concetto di "corpo resistente", lo studio dell'altro e le relazioni tra generazioni diverse. Ha partecipato a numerosi festival di performing arts e ha avuto mostre personali e collettive in musei e istituzioni internazionali.
...altro
Scarica il programma
Info
La versione italiana di Record è prodotta da Triennale Milano Teatro nell’ambito del progetto Le età del desiderio, sostenuto da Fondazione Cariplo
Crediti
Creazione: Francesca Grilli Testi: Azzurra D'Agostino, Piffi Stuntwoman training: Lisa Patoor Movimenti: Benno Steinegger Con: Sofia Bertoncini, Antonio Coccia, Frecia Danniella, Marco Filosa, Sara Kessair, Edoardo Radaelli, Arianna Saita, Alice Toma Direttore del coro e vocal trainer: Jean-Baptiste Veyret-Logerias Compositore: Christophe Albertijn Assistente di studio/comunicazione: Elena Regazzoni Rigger: Esteban Vin Graphic design: Marzia Dalfini Videografo: Gregor Gobec Produzione: Hiros Coproduzione: VIERNULVIER, workspacebrussels, Indisciplinarte Terni, Snaporazverein, Høstscena Partner: KAAP, Kaaitheater, BASE Milano, Høstscena, Bunker / Mladi Levi festival Con il supporto di: Corpoceleste, WpZimmer, Vlaamse Gemeenschap, VGC Un ringraziamento speciale a: Mira De Schepper, Manon Joannoteguy, Marie Maloux, Morgane Wadbled, Antoine Dupuy Larbre, Loïs Heirman, Joanne de Broux, Arnold Tamcho, Sebastián Andrés Requena Do Carmo Realizzato con il supporto dell'Unione Europea

Calendario

mercoledì 10 luglio 2024, ore 19.00
mercoledì 10 luglio 2024, ore 21.00
giovedì 11 luglio 2024, ore 19.00
giovedì 11 luglio 2024, ore 21.00

Highlights

© Liliana Simões
© Mario Albergati

Lampadario "carciofo" di Poul Henningsen, nella sezione della Danimarca
Lampadario "carciofo" di Poul Henningsen, nella sezione della Danimarca
Tre modelle percorrono il Ponte che collega il Palazzo dell'Arte con l'area verde antistante, progetto degli architetti Aldo Rossi e Luca Meda
Tre modelle percorrono il Ponte che collega il Palazzo dell'Arte con l'area verde antistante, progetto degli architetti Aldo Rossi e Luca Meda
Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Mostra sugli Studi delle proporzioni, allestimento dell'architetto Francesco Gnecchi-Ruscone, esposto nella mostra Studi sulle proporzioni
Mostra sugli Studi delle proporzioni, allestimento dell'architetto Francesco Gnecchi-Ruscone, esposto nella mostra Studi sulle proporzioni