© Furio Ganz

Creazione con: Francesca Foscarini, Romain Guion (interprete originale), Cosimo Lopalco

Interpretazione: Francesca Foscarini

Drammaturgia: Cosimo Lopalco

Disegno luci e cura della tecnica: Luca Serafini

Musiche originali: Andrea Cera

Voci: Miki Seltzer in Genesi 2 (19-20), Bela Lugosi in Bride of the Monster di Ed Wood

Suoni: Seals di Martin Clarke, Summer Sunset di Eckhard Kuchenbecker, Tikal Dawn di Andreas Bick

Video: Licorne di Maider Fortune

Consulenza e programmazione videoproiezione: Andrea Santini

Costumi: Giuseppe Parisotto

Si ringrazia: Chiara Bortoli, Alfonso Cariolato, Rocco Giansante, Perrine Villemur, Fiorenzo Zancan

Produzione: VAN Ente sostenuto da MiBAC - Ministero dei Beni e delle Attività Culturali

Coproduzione: La Biennale Danza di Venezia

Con il sostegno di: CSC Centro per la Scena Contemporanea, Tanzhaus Zurich, Istituto Italiano di Cultura Parigi, Teatro Stabile del Veneto

Performance

Animale

Francesca Foscarini

30 aprile 2019, ore 18.00

Teatro Franco Parenti

Durata: 40'

Un'interprete dotata di una densa presenza scenica

Il Sole 24 Ore

Animale è un lavoro potente e poetico firmato dalla coreografa italiana Francesca Foscarini, vincitrice del premio Danza & Danza 2018 per artisti emergenti. Creato per il danzatore francese Roman Guion, il solo – che ha debuttato alla Biennale Danza di Venezia nel 2018 – è un piccolo capolavoro coreografico che esplora il nesso tra la sensibilità umana e quella animale attraverso una mappa di gesti e segni che evocano la fragilità, il dolore e la bellezza della vita in tutte le sue forme. Ispirandosi alle opere del pittore Antonio Ligabue, le sue scene animali e i suoi autoritratti, l’artista esplora la radice etimologica che accomuna “anima” e “animale”, riflettendo sul significato di alterità. Foscarini compone scene di dirompente emozione in cui il mondo umano e quello animale sono dipinti in un intreccio di istinti, timori e speranze.

Francesca Foscarini è danzatrice, coreografa e insegnante. Tra le creazioni ricordiamo Kalsh(2009, selezionato dai Visionari 2010), Cantando sulle ossa (2011, Premio Mas Danza 2012, selezione Aerowaves 2012), Grandmother (Premio Equlibrio per l’interprete 2013), Gut Gift (2014) creato con Yasmeen Godder, Vocazione all’Asimmetria (selezione Aerowaves 2016), Good Lack (2016), trittico sull’assenza, Animale (Biennale Danza Venezia 2018), Oro: L’arte di resistere (2018) commissionato dal CSC di Bassano del Grappa, creato insieme a Cosimo Lopalco e ai danzatori di Dance Well – movimento e ricerca per Parkinson. Come interprete ha lavorato con Yasmeen Godder, Alessandro Sciarroni, Marco D’Agostin e Roberto Castello. Nel 2015 vince il premio Positano come “Danzatrice dell’anno sulla scena contemporanea” e nel 2018 il Premio Danza & Danza come coreografa emergente. 

Crediti

Progetto e coreografia: Francesca Foscarini

Creazione con: Francesca Foscarini, Romain Guion (interprete originale), Cosimo Lopalco

Interpretazione: Francesca Foscarini

Drammaturgia: Cosimo Lopalco

Disegno luci e cura della tecnica: Luca Serafini

Musiche originali: Andrea Cera

Voci: Miki Seltzer in Genesi 2 (19-20), Bela Lugosi in Bride of the Monster di Ed Wood

Suoni: Seals di Martin Clarke, Summer Sunset di Eckhard Kuchenbecker, Tikal Dawn di Andreas Bick

Video: Licorne di Maider Fortune

Consulenza e programmazione videoproiezione: Andrea Santini

Costumi: Giuseppe Parisotto

Si ringrazia: Chiara Bortoli, Alfonso Cariolato, Rocco Giansante, Perrine Villemur, Fiorenzo Zancan

Produzione: VAN Ente sostenuto da MiBAC - Ministero dei Beni e delle Attività Culturali

Coproduzione: La Biennale Danza di Venezia

Con il sostegno di: CSC Centro per la Scena Contemporanea, Tanzhaus Zurich, Istituto Italiano di Cultura Parigi, Teatro Stabile del Veneto

Eventi correlati

Promozioni

Francesca Foscarini + Michele Rizzo

La promozione consente di vedere a 20 euro Animale di Francesca Foscarini e Deposition di Michele Rizzo.

Archivi e collezione
Esplora centinaia di contenuti →

Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.<br/>Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Installazione luminosa "Luce spaziale" di Lucio Fontana sul soffitto dello Scalone d’onore.
Nel vestibolo del primo piano, decorazione parietale di Bruno Cassinari
Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Una modella posa all'interno della Mostra di oggetti per la casa (o Mostra Oggetti d'uso), nel Padiglione USA progettato dagli architetti Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti e Ernesto Nathan Rogers
Veduta notturna del Palazzo dell'Arte ripreso dalla Torre Lsittoria
Veduta notturna del Palazzo dell'Arte ripreso dalla Torre Lsittoria
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala
Sculture piramidali di Lynn Chadwick, nell’allestimento del Grande numero: l’intervento figurativo a grande scala

Acquista online i biglietti per le singole mostre, il biglietto unico per tutte le mostre puoi acquistarlo in biglietteria. La mascherina non è più obbligatoria per visitare le mostre, ma ne raccomandiamo l’utilizzo per garantire a tutti una maggiore sicurezza.

Organizza la tua visita
Sitemap