Triennale di Milano

Paper writing service comes to supplement your sincere efforts in your academics. These services are driven with the noble motto of helping students who are in acute as well as urgent need of a little assistance in their academic activities. Paperwriting calls for excellent command over linguistic paraphernalia and it also necessitates the intervention of high end academic aptitude. The expertise level of the writing service providing entities will fulfill the eligibility criteria of your papers and will assist you in securing higher grades. Because of the esteemed writing service providing entities you will ultimately be able to reach out to your core academic goals.
 

4 Ottobre - 18 Dicembre 2005.

Triennale di Milano
DESIGN
Fullscreen
01/07
02/07
03/07
04/07
05/07
06/07
07/07
Condividi con Facebook
Condividi con Twitter
Condividi con Google+
Condividi con LinkedIn

A cura di Pier Paride Vidari

La Vespa, scooter disegnato da Corradino D’Ascanio e messo sul mercato dalla Piaggio nel 1946, ha avuto una rapida e duratura ascesa nell’olimpo delle icone del design italiano.

La mostra si propone di evidenziarne non solo l’eccellenza progettuale e performativa, ma anche il valore paradigmatico che questo stesso oggetto assume all’interno della storia non lineare di una disciplina complessa come quella del design e il suo legame con il momento storico e sociale.

Nella storia dello scooter della Piaggio convergono, infatti, il tema della riconversione industriale assieme alla storia della comunicazione, della pubblicità, dell’immaginario, del costume, del paesaggio, della mobilità, dell’apertura verso i mercati internazionali.

La Vespa offre all’Italia dell’immediato dopoguerra e poi dei lunghi e impegnativi anni Cinquanta uno strumento agile per dar corpo ai sogni collettivi di mobilità, sociale oltre che geografica e territoriale. Contemporaneamente intraprende, con rapidità e ampiezza straordinarie per l’epoca, un percorso di successo nel mondo che tuttora la rende uno dei più forti e conosciuti esempi della creatività, dello stile e della capacità di innovazione italiani.

Sono passati sessant’anni dalla sua prima commercializzazione ma è riuscita ad aggirare l’inevitabile obsolescenza degli oggetti d’uso e a ritagliarsi un’immagine comunque molto trendy, se non addirittura rappresentativa dello spirito del tempo.

Se nel dopoguerra incarnava la voglia di spensieratezza e di dinamismo in opposizione al pauperismo post-bellico, e negli anni Settanta si inserì nella corrente delle dinamiche giovanili, oggi, in tempi di congestione del traffico e di ingorghi urbani, la Vespa è sinonimo non solo di stile ma anche di sveltezza, di indipendenza e di autonomia.

La mostra si propone di analizzare la Vespa focalizzando l’attenzione su diversi aspetti fra cui:

- la storia e l’evoluzione del progetto industriale: partendo dal contesto, il periodo di ricostruzione post bellica delle fabbriche, degli impianti e infine dei prodotti, è rievocata la storia della Piaggio e dei personaggi che l’hanno creata;

- il rapporto con l’utenza: la Vespa era ed è destinata al grande numero e il suo valore fortemente simbolico l’ha collocata nell’immaginario collettivo anche attraverso il cinema italiano e internazionale, come testimoniato da alcuni spezzoni presentati in mostra;

- l’evoluzione della forma, delle caratteristiche estetiche, delle tecnologie, che hanno differenziato e caratterizzato i vari prodotti, e, inoltre, l’evoluzione del marchio e della comunicazione.

Modelli di scooter, particolari costruttivi, come fanali, freni, scritte, indicatori, e documenti legati alla storia dei progetti sono i materiali esposti, che contribuiranno a restituire la grande complessità di questa storia, esemplarmente italiana.

TAGS