Triennale di Milano

Paper writing service comes to supplement your sincere efforts in your academics. These services are driven with the noble motto of helping students who are in acute as well as urgent need of a little assistance in their academic activities. Paperwriting calls for excellent command over linguistic paraphernalia and it also necessitates the intervention of high end academic aptitude. The expertise level of the writing service providing entities will fulfill the eligibility criteria of your papers and will assist you in securing higher grades. Because of the esteemed writing service providing entities you will ultimately be able to reach out to your core academic goals.
 

19 Febbraio. 5 Marzo 2006.

Triennale di Milano
FOTOGRAFIA
Condividi con Facebook
Condividi con Twitter
Condividi con Google+
Condividi con LinkedIn

Il Premio, istituito nel 1995 in memoria di Riccardo Pezza, giovane fotografo che compì i propri studi presso il CFP Riccardo Bauer, è aperto a studenti ed ex studenti italiani e stranieri di scuole e di corsi post diploma con qualifica specifica in fotografia, a studenti ed ex studenti delle Accademie di Belle Arti e delle Facoltà di Architettura e Design di tutta Italia, che abbiano sostenuto un esame specifico di fotografia.

Il tema del Premio, Il racconto di un luogo, intende stimolare nel tempo la riflessione sul concetto di luogo nei suoi attuali mutamenti, dal paesaggio, al corpo, all’identità, ad indicare come nella fotografia contemporanea coesistano tematiche, ambiti e linguaggi trasversali che interessano le molte discipline della comunicazione.

Promosso dagli Amici di Riccardo Pezza, dal CFP Riccardo Bauer e dalla Associazione Culturale Album, con il sostegno dell’Assessorato alla Formazione Professionale e dell’Assessorato alla Cultura, Culture e Integrazione della Provincia di Milano, il Premio Riccardo Pezza è diventato negli anni uno dei più importanti osservatori delle produzioni fotografiche giovanili italiane.

Essendo rivolto a giovani che hanno condotto studi di fotografia dopo il diploma, intende sottolineare l’importanza di una formazione di livello alto ai fini della costruzione di una figura di fotografo adeguata alla complessità della cultura contemporanea. In particolare da quest’anno i giovani fotografi devono aver maturato i titoli richiesti non prima dei cinque anni dall’attuale edizione.

Molti dei giovani che hanno vinto le passate edizioni del Premio Riccardo Pezza, così come molti dei selezionati che vengono ogni anno presentati nella mostra, hanno trovato una significativa collocazione nel mondo dell’arte, della comunicazione, della professione.
Anche nel 2006, la mostra registra il livello di qualità molto alto delle produzioni e mette in luce il momento di particolare trasformazione della fotografia attraversa, nel suo passaggio dall’immagine analogica a quella digitale. Il concetto di “luogo” contenuto nel tema del concorso viene affrontato dai dieci giovani autori in modo molto aperto ed elastico, ed è dunque luogo non solo geografico, ma anche sociologico, antropologico, esistenziale, psicologico.

Giuria:
Roberta Valtorta, critico e storico della fotografia, presidente di giuria
Giovanni Comunale, fotografo, vincitore del Premio Pezza 2002
Monica De Cardenas, gallerista
Filippo Maggia, curatore
Paolo Mazzo, famiglia 38 fotografi
Ivan Taborri, fotografo,
Angelo Cappellini, Assessorato alla Cultura della Provincia di Milano
Marco Palloni, Assessorato alla Formazione Professionale della Provincia di Milano



Finalisti:
Sara Capatti - “Baustelle”
Diego Casartelli - “Occhi che non vedono”
Viviana Falcomer - “Spazi di confine”
Patrizia Ferreri - “Casa Foppa- the pencil of nature and life-“
Federico Fronterrè - “Spie”
Lucia Orsi - “Milano serie uno”
Simona Paleari - “Costellazioni”
Tommaso Perfetti - “Campo 28”
Lidia Tirri “Berlino - “La vecchia stalinallee”
Rafelio Vertaldi - “Ogni volta, ogni volta che torno” (1955-2005)

TAGS